fbpx

Pedullà: “Arsenal? Buon per il Napoli. Rinnovi? Siamo al 70%”

Pedullà

Pedullà: siamo al 70% di un tragitto che dovrebbe portare alla fumata bianca circa il rinnovo di Zielinski col Napoli. E’ facile pensare che dopo Maksimovic, il Napoli farà Milik e poi Zielinski, si tratta di contratti da prolungare e che andranno tutti in porto. Finalmente Milik ha messo d’accordo tutti

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” è intervenuto Alfredo Pedullà, giornalista per parlare di Arsenal – Napoli, match dei quarti di finale di Europa League decretato dai sorteggi avvenuti oggi riguardanti la competizione continentale e di alcuni rinnovi contrattuali dei calciatori del club azzurro.

Queste le parole del giornalista esperto di calciomercato:

“Il Napoli non deve avere paura di nessuno, ma è stato sfortunato perchè ha beccato una delle due squadre che voleva evitare. Detto questo, il miglior Napoli non deve temere l’Arsenal, è una sfida da 1X2. Il primis, il Napoli deve blindare il secondo posto e poi c’è il signor Europa in panchina che avrà il programma giusto per essere all’80% della forma per la doppia sfida.

Il Napoli ha bravi specialisti per far arrivare il Napoli al top della forma e infatti la gara con la Juve ha dimostrato che il Napoli sta bene. Poi però, la testa fa l’80% della prestazione e anche ieri l’errore di Allan accade solo se la tensione non è al massimo. Questo sorteggio metterà il Napoli nella condizione di ripristinare il miglior Napoli possibile.

Siamo al 70% di un tragitto che dovrebbe portare alla fumata bianca circa il rinnovo di Zielinski col Napoli. E’ facile pensare che dopo Maksimovic, il Napoli farà Milik e poi Zielinski, si tratta di contratti da prolungare e che andranno tutti in porto. Finalmente Milik ha messo d’accordo tutti: ad un certo punto sembrava si parlasse di un optional e non di un attaccante che fa la differenza. Ora Milik sta bene, dal punto di vista fisico e soprattutto psicologico”. Conclude Pedullà.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.