fbpx

Scotto, Lucariello, Iezzo, Giordano e Pistocchi a Radio Marte sul Napoli, Meret, Verdi ed Ounas

Alex Meret Sky

Scotto: Il Napoli ha giocato un secondo tempo impressionante, al di là della scarsa condizione fisica della Roma. Ranieri ha dovuto fare i conti anche con il problema Zaniolo, ma in generale la squadra giallorossa è apparso clamorosamente in affanno

Scotto, Lucariello, Iezzo, Giordano e Pistocchi sono intervenuti a a Radio Marte per discutere della vittoriosa partita che il Napoli ha vinto nettamente all’Olimico contro la Roma, di Ounas, Meeret e Verdi. 

Questi i loro interventi riportati da casanapoli.net:

Giavanni Scotto, giornalista: “Il Napoli ha giocato un secondo tempo impressionante, al di là della scarsa condizione fisica della Roma. Ranieri ha dovuto fare i conti anche con il problema Zaniolo, ma in generale la squadra giallorossa è apparso clamorosamente in affanno.

Arsenal? Il Napoli ha bisogno di una prestazione perfetta, necessaria un’attenzione totale. La Roma è stato il primo passo dell’avvicinamento alla sfida all’Emirates”.

Gianfranco Lucariello, giornalista: “Un tempo l’Empoli sarebbe stata seguita da più giornalisti. È la stata la classifica situazione in cui il ‘big’ ha già parlato, ma andava dato modo ad Andreazzoli di dire la sua sulla Juve. Una brutta scena, forse anche a causa dell’orario e dell’anticipo di Allegri e da giornalisti predisposti a dover parlare solo della Juve.

Meret? Anche i suoi compagni di difesa in realtà sono ‘avversari’ perché se sbaglia il portiere possono dare la colpa a lui. Donnarumma? Lasciamo stare il passaggio sbagliato, parliamo di uno ha esordito in Serie A a 17 anni con Mihajilovic che non guarda in faccia a nessuno. Girarsi e trovare uno stadio come l’Olimpico o San Siro non è semplice, c’è tanta pressione da reggere”.

Gennaro Iezzo“Meret? Ha avuto millesimi di secondo per pensare all’intervento, l’avversario èp stato più furbo e si è guadagnato il rigore. Rigore che già c’era per il fallo di mano di Mario Rui.

Parliamo di una partita in cui Meret non è stato impegnato, non si può criticare: deve crescere, è giovane. Donnarumma? 20 anni ed ha già 150-200 presenze in Serie A. L’esperienza deriva dal fatto di giocare partite importanti, così acquistano sicurezza. Entrambi giocano in piazze importanti”. 

Antonio Giordano, giornalista: “Mertens è uno scugnizzo e la voglia di raggiungere Hamsik espresso attraverso i social è la frase più bella della settimana perchè non potrà raggiungere Marek quest’anno e questo significa che a fine stagione non andrà via, ma resterà a Napoli.

La squadra azzurra non può permettersi Cristiano Ronaldo, ma può permettersi giocatori che diano quella consistenza al progetto e che aiutino il gruppo già competitivo a competere per lo scudetto.

Dopo Sassuolo ho scritto che quella che verrà sarà l’estate di Insigne ed è inutile pararsi gli occhi. A giungo avrà 28 anni ed è l’età giusta per partire, in presenza di un’offerta ovvio. Lo stesso Insigne ha un agente che conosce le dinamiche del mercato, le scadenze e mi aspetto che capiti qualcosa. Poi, non so se capiterà e non lo posso sapere”.

Maurizio Pistocchi, giornalista: “Ounas e Verdi stanno diventando alternative importanti. Per come gioca il Napoli, Mertens è il partner ideale di Milik. Mertens e Insigne sono troppo simili, anche fisicamente e una coppia così composta è squilibrata. Milik potrebbe giocare bene anche con Insigne, ma vedo l’attaccante napoletano meglio da esterno”. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.