fbpx

Arsenal – Napoli: “Partita della stagione per gli azzurri e le ultime sul match a ‘Un Calcio Alla Radio’

Stadio Arsenal

Jacobs:  Arsenal – Napoli? Favorito Ramsey su Ozil che dovrebbe partire dalla panchina; Aubameyang e Lacazette non hanno giocato molto insieme ma quando giocano, segnano tanti goal

In diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’ in onda su Radio CRC, sono intervenuti opinionisti e  giornalisti per discutere di molti argomenti ed in particolare di Arsenal Napoli, sfida di Europa League che si giocherà questa sera a Londra.

Questi i loro interventi riportati da casanapoli.net

Gary Jacobs: “Arsenal-Napoli: Ramsey favorito su Ozil. L’atmosfera sarà molto calda e l’Arsenal punterà sul giocare in casa ”

Gary Jacobs, Times: “L’atmosfera che si respira in Inghilterra è quella delle grandi occasioni. L’Arsenal in casa cerca di creare un’atmosfera molto forte con l’aiuto dei suoi tifosi per vincere e non perde in casa da parecchio tempo.

La prima parte della partita deve essere indirizzata su questi binari emotivi; non ci sono problemi di ordine pubblico. E’ favorito Ramsey su Ozil che dovrebbe partire dalla panchina; Aubameyang e Lacazette non hanno giocato molto insieme ma quando giocano, segnano tanti goal”.

Pino Taormina: “Arsenal-Napoli, giocheranno Milik e Mertens perchè sono nella condizione migliore. La mancanza di Albiol come leader si sentirà”
Pino Taormina, Il Mattino: “Insigne parte dalla panchina e giocano Milik e Mertens che sono in ottima forma. Servono uomini pronti al 100%. In questo momento, non si cambiano gli uomini perchè devono scendere in campo quelli che stanno meglio e in grado di fornire una certa tranquillità.

Albiol avrebbe dato un contributo importante non solo in campo ma anche nello spogliatoio perchè è uno dei pochi leader di questo Napoli. La polizia inglese ha ricordato la sua rigidità per lo stadio ma anche nei dintorni.

Lo scambio di informazioni tra la polizia napoletana e quella inglese sono state ottime per gestire al meglio la partita; potrebbe esserci un po’ di tensione solo nel pre-gara. I tifosi del Napoli non si riconoscono se non per le fasce indossate ma Londra è una città talmente cosmopolita che si fa fatica a riconoscerli”. 

Maurizio De Giovanni: “Arsenal-Napoli: Spero in una squadra vincente. D’Amico? Uscita infelice sui napoletani e poca riflessione sulle parole di allegri”
Maurizio De Giovanni, scrittore: “Quanto vorrei che si iniziasse a pensare un Napoli vincente e non all’epicità degli episodi e dei gesti atletici. Un campionato che termina il 26 dicembre con il secondo scontro e poi, nel girone di ritorno è una delle cose più tristi che si possano vedere nello sport.

Lo scivolone della D’Amico è un’uscita infelice che bisogna aggiungere alla dichiarazione di Allegri che dice che giocare pulito non fa vincere; lo studio di Sky non ha rimarcato il concetto spiegando che dovrebbe essere la forza a far vincere
una squadra. La D’Amico dovrebbe ricordare che molti abbonati Sky sono napoletani e non ci sono solo gli ex tifosi del marito. Se riusciamo a passare i primi 20 minuti senza prendere un goal, la qualificazione sarà in discesa”.

Andrea Maldera: “Ancellotti vs Emery: due piani tattici da capire. Milik preferibile ad Insigne “
Andrea Maldera, Match Analyst: “A questi livelli, le partite si preparano con attenzione e ricevendo tutte le informazioni possibili sui giocatori. Poi, le partite subiscono altri fattori che devono essere compresi dall’allenatore dando fiducia ai propri giocatori.

Sicuramente, Milik ha certe caratteristiche e Insigne delle altre. Ancelotti punterà su Milik perché il Napoli ha bisogno di un giocatore che faccia salire la squadra. Insigne e Mertens riescono ad ottimizzare se sono molto vicini all’area di finalizzazione Il Napoli, in fase di possesso, cercherà di imporre il suo gioco e non sarà facile perché ha un avversario che presserà parecchi.

Il Napoli deve sfruttare gli spazi che a volte si aprono; l’Arsenal è forte quando guadagna metri di campo e il Napoli non dovrà aspettare l’avversario. Deve subito provare ad attaccare, rompendo sul nascere l’azione dell’Arsenal. Mi aspetto un Napoli molto aggressivo in fase di non possesso. Il Napoli dovrà lavorare con i due centrocampisti capendo quando scivolare e bloccare le azioni di Ramsey o Ozil. Sono partite importanti per capire quali sono i piani tattici di due allenatori che hanno vinto tanto”.

Gianluca Monti: “Arsenal-Napoli: la partita della stagione del Napoli”
Gianluca Monti, Gazzetta dello Sport: “Il Napoli non sbaglierà questa partita perché altrimenti ciò che abbiamo raccontato fin d’ora non sarebbe vero. Il valore del Napoli è 75 punti ed è un valore dato anche dall’allenatore.

I 91 punti dell’anno scorso non sono riproponibili soprattutto perché aveva un fuoriclasse in panchina. Stasera, insieme alla gara di ritorno, si gioca la stagione. Ci sono tutti i presupposti per una partita ordinata e grintosa. Il Napoli può fare almeno un goal perché l’Arsenal non è impenetrabile. Vai in casa di una squadra forte ma è una partita alla pari”.    

Giandomenico Mesto: “Ancelotti è un punto di svolta e il suo lavoro verrà fuori il prossimo anno. Si spera di vincere un trofeo ma a volte, serve tempo”
Giandomenico Mesto, ex Napoli: “L’andata in Champions con Benitez, per noi, fu tanto e molti di quei giocatori scenderanno in campo, questa sera, con una migliore esperienza e daranno tutto. La continuità della società e i vari punti di svolta sono stati importanti.

Ancelotti rappresenta a pieno tutto ciò e il suo lavoro verrà fuori meglio nella prossima stagione. Abbiamo tutti sempre la speranza di vincere qualcosa ma ci vuole del tempo”.

Mirko Calemme: “Arsenal-Napoli? E’ la partita della stagione per il Napoli”
Mirko Calemme, AS: “E’ la partita che deciderà il senso della stagione del Napoli. Uscire vive dall’Emirates sarebbe un bel segnale per la partita di ritorno. Gli azzurri sono consapevoli di non aver dimostrato il loro valore nell’ultimo mese ma questa sera avranno la scintilla. Un difetto di questa squadra è proprio quello di non brillare quando non si hanno obiettivi reali”. 

Francesco Repice: “Arsenal-Napoli: uno scontro alla pari. Ancelotti, sa quel che fa”
Francesco Repice, Radio Rai: “Ajax-Juvetus è stata una partita in cui i giovani dell’Ajax hanno peccato di esperienza contro una Juventus solida come sempre. La partita di ritorno sarà complicata ma la Juventus ha la forza mentale e fisica di risolverla.

Spero che Ancelotti continui a fare il suo gioco e non puntare sui tre lì davanti. Mi aspetto un 4-4-2 solido con attaccanti pronti verso la porta e Milik disponibile per gli ultimi minuti. Il centrocampo del Napoli è il più forte d’Italia con Ruiz e Zieliński in gran spolvero insieme ad Allan e Callejon.

Nel doppio confronto con l’Arsenal inciderà l’esperienza internazionale di Ancelotti. Il Napoli non parte sconfitto, anzi parte 50 e 50 contro una delle squadre migliori della Premier League. Il Napoli non è abituatissimo a vivere certi scontri internazionali e Ancelotti penserà a tutto. Se fossi nei tifosi del Napoli, sarei sereno”. 

Antonello Perillo: “Arsenal-Napoli? Ancelotti schiera Milik e Mertens. Insigne pronto per la partita di ritorno”
Antonello Perillo, RAI: “Oggi è una giornata molto importante per i tifosi del Napoli. Sono due squadre da Champions; l’Arsenal mi fa paura ma il Napoli ha il 50% di passare. Giocare all’Emirates è molto dura.

Sicuramente, Ancelotti è strato preso per partite del genere ma anche per il lavoro transitorio che sta effettuando. In Champions siamo stati sfortunati con gli abbinamenti ma resta il fatto che ora, in Europa League giochiamo alla pari. Se lo merita la città, la tifoseria e anche i media nonostante alcune diatribe con il club. Spero in una partita tranquilla dal punto di vista del tifo. 

La D’Amica ha fatto una battuta infelice, in diretta dove è difficile recuperare gli scivoloni, da evitare ma non mi sento di fare dietrologie. Ho sempre creduto in Insigne e non si discute; detto questo viene da un infortunio e ci sono Mertens e Milik che stanno giocando molto bene. Nella logica delle cose mi pare corretto partire con Mertens e Milik. La formula dei piccoletti era una magia di Sarri e con Ancelotti non credo funzionerebbe. Immagino Insigne titolare nella partita di ritorno; nelle grandi squadre si fa così”. 

Paolo De Paola: “Arsenal-Napoli: KoulibalyMaksimović non mi convincono e nemmeno Milik-Mertens
Paolo De Paola, giornalista: “Sono teso come lo ero ieri; bella la partita della Juve e spero nel Napoli per questa sera. Molto spesso la prestazione di una squadra dipende anche dalla bravura dell’avversario come la Juve con l’Ajax.

Nel possesso palla c’è stato un predominio dell’Ajax ma sono poco esperti e non hanno saputo concretizzare. Bisogna stare attenti anche alla partita di ritorno; non mi basta il blasone di una squadra. Ad Allegri non mi sento di dare nessuna responsabilità e aver portato a casa l’1-1 è cosa buona. I Napoli deve trovare certezze in fase difensiva e sono perplesso sulla coppia Koulibaly-Maksimović. Avere Mertens e Milik davanti non mi tranquillizza, avrei preferito un centrocampo più coperto. Ricordiamoci che con Emery, Ancelottii non ha una buona tradizione”.

Umberto Chiariello: “Diamo un senso alla stagione”

Edito-radio di Umberto Chiariello in onda su Radio CRC: “Siamo ad Arsenal-Napoli: è il giorno. Si capiranno tante cose. Non c’è molto da aggiungere se non la presenza di Insigne dal primo minuto. L’Ajax ha dimostrato di fare una signora partita e dal lato juventino, credo, si stia facendo un errore nel considerare  la qualificazione già ottenuta. L’Ajax è così leggero di cuore e di gamba che a Torino giocherà senza timore.

Cristiano Ronaldo ha dimostrato cosa significa essere grandi ed è quel che manca al Napoli. Sarà Mertens il fenomeno di questa sera? Non si sa; questa sera è la partita più importante perché l’Arsenal costruisce tutto in casa mentre fuori casa è una squadra normale. Disinnescare questa partita vorrebbe dire mettere un bel mattone sul passaggio del turno”. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.