fbpx

CdS – Osimhen con il suo gioco può escludere Demme, ecco perchè

AdL Osimhen

CdS – Osimhen mette in discussione una convinzione di Gattuso: Demme può restare fuori.

L’arrivo di Osimhen nel Napoli ha prodotto nell’ambiente un po’ di trambusto legato, in particolare, al gioco dei partenopei.

La convinzione di Rino Gattuso

di ripartire in questa stagione 2020-21 con il 4-3-3, è stata messa in discussione da una grande prestazione della punta nigeriana.

Victor Osimhen ha fatto comprendere quanto possa da solo fare reparto in attacco e di quanto spazio abbia bisogno per poterlo fare.

L’allenatore azzurro ha scoperto di poter giocare anche con il 4-2-3-1 perché Fabian e Zielinski riescono a giocare in coppia davanti alla difesa.

Ha scoperto che si può rinunciare a Demme e che osare è permesso. Infine che il nuovo arrivato può partire già titolare.

A riportare quanto è il Corriere dello Sport.

E’ bastata quindi la vittoria di Parma per mostrare due facce e anche più dello stesso Napoli.

La prima è quella che conosciamo meglio: quel 4-3-3 che si schiera 4-1-4-1 in fase di non possesso, con Demme a fare da schermo tra le linee.

Ciò garantisce quella compattezza a cui, una volta ottenuta, Gennaro Gattuso non ha voluto rinunciare.

L’altra invece è quella messa in campo quando il tecnico s’è deciso a sprigionare tutto il potenziale offensivo della squadra per trovare i gol e i tre punti.

Dentro Osimhen

proprio per il centrocampista tedesco, ideale passaggio di consegne tra l’atteggiamento da trincea e quello da battaglia campale.

Ecco quindi che davanti alla difesa si sono piazzati Zielinski e Fabian con gli esterni Insigne e Politano a supportare il lavoro da trequartista di Mertens, a sua volta pronto ad innescare un esplosivo Osimhen.

CdS – Osimhen mette in discussione una convinzione di Gattuso: Demme può restare fuori.

Un Napoli da ridiscutere

in termini ovviamente positivi se il risultato finale ha dato ragione alla volontà di Rino Gattuso di disegnare una squadra capace di tirar fuori il meglio dal suo nuovo acquisto.

Vedremo nell’immediato futuro se questa scelta di moduli diversi dal 4-3-3 possa avere una valenza tale da scatenare nei calciatori un diverso modo di affrontare il gioco, in maniera sì ragionata, ma opportunamente aggressivo con verticalizzazioni tali da solleticare la voglia prorompente di Victor verso la rete avversaria.

Prossimamente saggeremo questo nuovo corso contro il Genoa, ma poi ci sarà il test dei test contro i bianconeri juventini…e lì è vietato sbagliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.