fbpx

La meditazione: cos’è e quali benefici rilascia al corpo e alla mente (Video)

La meditazione

Vani Valeria Pignatelli

Tutto ciò che avresti voluto sapere riguardo la meditazione e che nessuno ti aveva mai spiegato

Cos’è la meditazione? Sicuramente ne avrai sentito parlare e anche in modi molto contrastanti. Saprai che aiuta a rilassarsi, a liberarsi dallo stress, ad avere una mente più sana ed emozioni più quiete ma… cos’è? E’ davvero possibile “svuotare la mente”? E’ davvero qualcosa che fa per tutti?
A partire da alcuni falsi miti, ecco per te tutto quello che avresti sempre voluto sapere su questa pratica sempre più diffusa.

La meditazione

Esiste un solo tipo di meditazione

che consiste nel sedersi in posizione del loto, a gambe incrociate, con la schiena dritta, e rimanere immobili in osservazione del proprio respiro. Questa meditazione è chiamata “Vipassana”, è solo una delle infinite tecniche possibili. E’ consigliabile soprattutto alle persone che praticano la meditazione già da molto tempo e hanno più familiarità con il suo stato di presenza mentale. Esistono molti altri tipi di meditazioni e tra questi molti che coinvolgono il corpo.

Le tecniche attive delle meditazioni di Osho

In particolare le Meditazioni Attive create da Osho, un mistico illuminato di cui magari ti racconterò meglio la prossima volta… Le sue tecniche usano la danza e diversi tipi di movimento, usano i mantra, il canto, il respiro ed il loro scopo è proprio quello di tirarci fuori dalla mente riportandoci nel nostro corpo. Sicuramente lo avrai provato anche tu: se ti siedi immobile in silenzio la prima cosa che succede è il “dialogo interiore”. Di istinto pensi alla lista della spesa, alle cose che hai da fare, la cena che devi preparare, i bambini da andare a prendere a scuola, la visita medica della prossima settimana, il lavoro lasciato in sospeso e così via. Attraverso le sue tecniche attive le Meditazioni di Osho ci sottraggono al chiacchiericcio della mente e ci aprono la porta ad un’esperienza nuova della meditazione. Questa  è più facile da approcciare e anche da portare nella nostra vita quotidiana. Per di più più le sue tecniche sono divertenti, vitali e gioiose!

Meditare è concentrazione e introspezione 

e richiede per tanto uno sforzo, una fatica. Quello che possiamo “apprendere” con la meditazione è uno stato naturale della mente in cui siamo totalmente in quello che stiamo facendo senza essere distratti dai giudizi e dalle interpretazioni. La concentrazione e l’introspezione sono proprio quel lavorio costante della nostra mente che ci risucchia un sacco di energia lasciandoci stanchi e stressati da cui la meditazione ci aiuta a liberarci. Alleggeriti da questo chiacchiericcio, nel nostro stato naturale di presenza siamo rilassati e tutta la nostra attenzione è in quello che stiamo facendo. Ciò ci rende più efficaci nelle cose che facciamo e permettendoci non solo di usare meno energia ma addirittura di ricaricarci.

La meditazione consiste nello svuotare la mente 

Attraverso la meditazione sviluppiamo l’abilità di osservare il nostro corpo, la nostra mente e le nostre emozioni. Talvolta osserveremo la nostra mente quieta e rilassata, altre volte la osserveremo affollata di pensieri e ansiosa, e la stessa cosa vale per il nostro corpo e le nostre emozioni. Insomma la meditazione non è tanto il contenuto di ciò che osserviamo quanto piuttosto la nostra capacità di osservare. Nel tempo questa capacità ci rende più consapevoli di chi siamo e di come stiamo, ci supporta pertanto ad essere più veri e a prenderci cura di noi stessi in maniera più amorevole e presente. Con una pratica quotidiana della meditazione e della sua qualità di presenza nelle nostre attività giornaliere possiamo davvero sperimentare una maggiore leggerezza mentale e persino stati di “vuoto” o “consapevolezza totale”, detta “mindfulness”, in cui la nostra mente è solo qui e ora, non nel passato e nemmeno nel futuro.

Meditare richiede un sacco di tempo e non tutti sono portati

La meditazione è il nostro stato naturale, che è stato deformato da uno stile di vita veloce e stressante, pertanto è per tutti, ci appartiene fin dalla nascita. Praticare la meditazione ci allena a praticare questa capacità di presenza atrofizzata dal nostro stile di vita. Infatti, come ogni abilità che vogliamo sviluppare ed espandere, richiede il nostro impegno quotidiano, esattamente come andare in palestra, imparare una nuova lingua o cantare. Possono bastare anche pochi minuti di allenamento quotidiano o settimanale per mantenere la nostra consapevolezza in forma e ricaricare le nostre batterie. Il tutto possiamo persino farlo divertendoci.

La meditazione è una pratica spirituale 

Per meditare non hai bisogno di praticare nessuna religione così come puoi continuare a praticare la religione in cui credi, non sono cose contradditorie anzi la tua preghiera sarà espansa dalla capacità di presenza che svilupperai grazie alla meditazione, e la tua meditazione può essere arricchita dalla tua compassione religiosa. Personalmente non pratico nessuna religione ma meditare ogni giorno mi mette sempre più e più in contatto con la sacralità del mio corpo, della mia mente, della mia vita e di quella degli altri esseri viventi intorno a me e mi fa sentire molto grata per questo.
La pratica della meditazione è ormai così diffusa che innumerevole ricerche scientifiche ne hanno dimostrato i molteplici effetti benefici sulla salute del corpo e della mente, sulla riduzione dello stress, sulla creatività e la capacità di problem solving, e in generale sulla nostra capacità di affrontare le difficoltà e di vivere una vita più gioiosa e soddisfacente.

Se vuoi approfondire “Cos’è la Meditazione” dai un’occhiata a questo video

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − quattro =