fbpx

CdS- Osimhen spegne le voci di mercato e lancia la sfida: “Sto bene a Napoli e per lo scudetto ci siamo anche noi!”

Spezia Napoli

Intervista al Corriere dello Sport di Osimhen, tra il presunto addio fino al sogno Scudetto passando alle sensazioni sui nuovi acquisti: ecco le parole del nigeriano.

Corriere dello Sport – Osimhen spegne le voci di mercato e lancia la sfida: “Sto bene a Napoli e per lo scudetto ci siamo anche noi!”

Ieri è stato redarguito da Spalletti per eccesso di proteste durante la partitella in famiglia, Osimhen è già in clima campionato con il suo agonismo e voglia di vincere. In questa stagione sarà lui a caricarsi sulle spalle il Napoli dopo gli addii di leader come Insigne, Koulibaly e Mertens.

Ma il nigeriano ha già dato prova di sè e questo che inizierà (si spera) dovrà essere il campionato della sua definitiva consacrazione. Proprio della nuova stagione e di tanto altro Osimhen ha parlato ai microfoni de “il Corriere dello Sport”.

Sulle presunte sirene estere: “Io sono al Napoli. E ho grande rispetto per il mio club. Ho vissuto momenti molto difficili, anche privati, ma il Napoli mi è sempre stato vicino e questa è una delle ragioni per cui sono qui. Per cui gioco per il club e la squadra e mai per me stesso. Per il resto, credo di meritare il clamore e le cose buone che si dicono di me, pur ritenendo di poter migliorare ancora in tanti aspetti. Sono in una bella città e in un club meraviglioso. Grande. Napoli è uno dei posti migliori per essere calciatore: qui ha giocato Diego Armando Maradona, il migliore di sempre, e considero un privilegio e un grande onore giocare nello stadio intitolato a lui”. 

Sullo scudetto sfumato: “Siamo stati molto, molto vicini allo scudetto: tutti abbiamo dato tutto per vincerlo, ma il calcio è questo. Era e resta un sogno: ci proveremo ancora. Anche la Champions, però, era un sogno e l’abbiamo raggiunta”.

Sul futuro prossimo: “La squadra è molto cambiata. Sono andati via Insigne, Ospina, Koulibaly, Mertens e Ghoulam, uomini chiave e grandi leader, e li voglio ringraziare: li adoro tutti e auguro loro solo il meglio. Ora, però, ci sono altri leader: sono felice per Giovanni Di Lorenzo, il nuovo capitano, e poi c’è Mario Rui. E tra l’altro sono arrivati nuovi giocatori bravi, determinati e tecnici che ci aiuteranno a colmare il vuoto lasciato da questi grandi campioni”. 

Sui nuovi arrivati: “Aumenteranno la nostra qualità. In pochi credono che saremo competitivi per lo scudetto ed è un’opinione che rispetto: io, però, penso che nella prossima stagione potremo fare molto, molto meglio dell’ultima. Faremo di tutto per migliorare ancora: siamo molto motivati, abbiamo lavorato bene a Dimaro e ora continuiamo a Castel di Sangro. Il Napoli è ancora forte. Sicuramente forte”.