fbpx

Milan Napoli, i dubbi di Mazzarri

Milan Napoli

Milan Napoli, i dubbi di Mazzarri

Il tecnico napoletano nonostante abbia impartito precisi ordini e seguito con grande attenzione la preparazione della squadra in questa settimana, per la gara di domenica sera al Meazza San Siro di Milano, ha dubbi relativi alla tattica da utilizzare per contrastare lo squadrone di mister Pioli.

Intanto circola una notizia sul tecnico rossonero che il giornalista milanese, Franco Ordine, in diretta a Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport, ha voluto esplicitare: “Pioli al Napoli. Io lo immagino, perché Stefano è un uomo di grande equilibrio e serenità. È un aziendalista convinto, uno come lui farebbe la fortuna del Napoli. Thiago Motta, per esempio, è uno fumantino e non credo convivrebbe con serenità alla corte di De Laurentiis… Sul futuro di Pioli, comunque, vediamo: ha ancora un anno di contratto e dovesse far bene, non è detto che vada via al termine della stagione”.

La ripresa di Kvaratskhelia

Inoltre Ordine ha anche evidenziato la ripresa di Kvicha Kvaratskhelia: “Cos’è successo a Kvara e a Leao? Entrambi hanno avuto un sussulto nell’ultimo turno, con il portoghese che però è tornato in grande spolvero già da un po’ di tempo. Ha messo a referto 8 assist decisivi, non dimentichiamolo”.

Ma torniamo a Mazzarri e i suoi dubbi come li definisce il Corriere dello Sport: “Un centrocampista in più per resistere all’urto rossonero o il doppio esterno a scortare la punta per provarci con coraggio dopo l’iniezione di fiducia contro l’Hellas.

Sembra essere questo, oggi, uno dei principali dubbi di Mazzarri nella settimana che condurrà alla sfida di domenica sera sul campo del Milan. L’allenatore del Napoli insiste in allenamento con la difesa a tre e ieri, con Politano che ha svolto personalizzato in campo”.

L’incontro tra i rossoneri e gli azzurri assurge a partita decisiva e di grande interesse per il prosieguo della stagione delle due squadre.

Chi scrive ha la sensazione che il Napoli, con il gioco imposto da Walter Mazzarri, soprattutto con la ripresa mentale, evidente nei calciatori partenopei, ha maggiori chances di poter fare il colpaccio, a patto che la squadra segua pedissequamente il volere del suo allenatore, colui che in questo momento sta ritrovando le chiavi per riportare il gioco spumeggiante a cui sono stati abituati i tifosi del Maradona e dell’Italia intera.

Tutto questo mentre si avvicina una novità per il mondo del calcio: il “cartellino blu”, una sanzione a metà tra gli attuali giallo e rosso, praticamente un’espulsione a tempo dal rettangolo verde, secondo il Telegraph, noto quotidiano inglese.