fbpx

Napoli-Udinese show al Maradona tra abbracci, sogno Champions ed un futuro ancora incerto – Le Pillole del campionato del Napoli

Napoli-Udinese show allo Stadio Maradona, con gli azzurri che fanno cinquina e blindano ancora la zona Champions nell’anticipo della 36^ giornata

E’ il festival del gol a Fuorigrotta, con Zielinski che sblocca il risultato nel primo tempo e Fabian, tra i migliori in campo che raddoppia dalla distanza. L’Udinese accorcia con Okaka ma la ripresa vede l’assolo partenopeo: Lozano, Di Lorenzo e finalmente capitan Insigne a chiudere il tabellino dei marcatori, pronti a godersi una piccola fetta in più dell’Europa che conta. Ma non solo Napoli-Udinese show: il futuro di Gattuso, le news all’ombra del Vesuvio e tutti i dettagli della settimana nelle Pillole del Campionato del Napoli!

Macchina da guerra

Tutti gli occhi della serie A e delle rivali Champions questa sera dal divano fino allo stadio Maradona, ben consci che quest’ennesimo match point proprio non si può sbagliare. L’ansia da prestazione delle grandi occasioni non divora i partenopei, che sono responsabilizzati dal proprio compito ma non danno mai la sensazione di poter perdere le redini del match. Nell ripresa Insigne e compagni dilagano e lo fanno con qualità, intensità, convinzione e divertimento. In fase di costruzione, non ce n’è per nessuno: manita fu, così come un Napoli-Udinese da vero show ed i complimenti di mister Gotti (LEGGI LE SUE PAROLE).

Mi hai stonato

Serata di giubilo per Chucky Lozano che, schierato titolare (QUI LE FORMAZIONI) non delude le aspettative siglando una bellissima marcatura al 56′ rubando palla al difensore bianconero e sfruttando un rinvio corto di Musso. “Merito”, sicuramente, del solito e perenne fischio alle orecchie: persino in telecronaca si sottolinea quanto Gattuso chiami costantemente il messicano, che quasi lo accontenta pur di non sentirlo più. Un grido continuo per intimargli il movimento, la posizione, lo scatto. E meno male che non c’era Quagliarella. Al momento del cambio infatti, Chucky sorride, Ringhio di più e tutto l’ardore si spegne in un bellissimo abbraccio.

Ancora Dimaro

Non solo Napoli-Udinese show ma negli scorsi giorni è stata ufficializzata un’altra bella notizia in casa azzurra. Sono state rese note infatti, le date del prossimo ritiro partenopeo a Dimaro-Folgarida, dal 15 al 25 luglio (I DETTAGLI). Poi, si andrà tutti a Castel Di Sangro, per la seconda delle tappe del tour estivo di Insigne e soci, di preparazione per la nuova stagione. Non ne potremmo essere più felici: Dimaro è un pezzo di cuore, è la chance per i tifosi di vivere da vicino la squadra e, covid permettendo, di creare un unico amalgama, caricarla in vista dei primi impegni. Cuori, rigorosamente azzurri, che battono all’unisono, in una cornice magica, quasi da favola. Ci vediamo in Trentino!

Facciamo pace

Con negli occhi ancora Napoli-Udinese ed il suo show di reti, è giusto buttare il solito occhio al futuro. Così en passant, senza ansie nè bruciando i tempi bensì analizzando le novità in casa azzurra. Che sottobanco ne sono tante ma, ufficialmente, tutto tace. I tweet restano quello del presidente De Laurentiis che si complimenta con la squadra e con Insigne per i 100 gol siglati in stagione (LEGGI LE PAROLE), gli sfoghi sono del vice presidente Edo sui social (LA NOTIZIA) e la squadra intanto, è intenta a cercare di risanare il rapporto tra Gattuso e la società (LE ULTIMISSIME) per proseguire insieme.  Soltanto le due parti sanno realmente come sia la situazione, se recuperabile o meno: magari una sera, tra due settimane, davanti ad un bel bicchiere di vino, la matassa potrà essere dipanata ed il silenzio stampa, finalmente rotto. Ai posteri l’ardua sentenza.

Zona Champions

Lo show di Napoli-Udinese ha rinsaldato ancor di più il cammino Champions dei partenopei, che al momento si trovano a 180′ dal raggiungimento del proprio obiettivo. Eh sì: perchè se gli azzurri dovessero vincere contro Fiorentina e Verona, sarebbe persino inutile buttare un occhio in casa Milan, Atalanta o Juventus perchè si avrebbe la certezza di un piazzamento per l’Europa che conta. Che sogno. Una cavalcata incredibile, affrontando mille difficoltà, defezioni, infortuni, emergenza covid ed anche la fiducia in se stessi che spesso è vacillata. Sì, il Napoli la meriterebbe proprio questa Champions. Intanto incrociamo le dita ed un po’ anche gufiamo: ci sono altre due battaglie e poi una guerra da vincere. Alla prossima con le pillole del campionato del Napoli!

RIPRODUZIONE RISERVATA