fbpx

Salernitana-Napoli e la scia azzurra verso la vetta tra un inarrestabile Raspa, la solitudine di Garcia e la prova del 9 formato Champions – Le Pillole del Campionato del Napoli

Salernitana-Napoli

Salernitana-Napoli ha visto il ritorno alla vittoria degli azzurri con maggiore convinzione, con un ottimo primo tempo e una ripresa di gran carattere

Salernitana-Napoli è stato un derby non derby tra due squadre con obiettivi completamente diversi, figlie di un momento e un passato opposti. Un gol per tempo è bastato all’undici di Garcia per archiviare la pratica: prima il gran gol di Raspadori poi la bella marcatura di Elmas hanno battuto Ochoa facendo partire la festa dei pochi tifosi partenopei all’Arechi, contro ogni restrizione. Ma la gara è già alle spalle, con la Champions che mercoledì torna al Maradona: in campo l’Union Berlino, per un altro step di crescita importante. Di questo e molto altro parleremo nelle Pillole del Campionato del Napoli!

Derby non derby

Salernitana-Napoli porta con sé un’atmosfera sulla carta sempre tesa e “litigiosa”. Eppure, al di là degli sfottò calcistici e territoriali, le due squadre non condividono né la stessa città né lo stesso destino. Momenti diversi, ambizioni diverse, classifiche diverse. E non ci sono neanche i supporter azzurri a riempire il settore ospiti ma solo coloro che sono residenti o a Salerno o fuori Campania ma con la tessera del tifoso. Insomma, un caos ma sicuramente non calcio (L’ANALISI). Così come fa male vedere un Arechi semi vuoto per il caro prezzi, nonostante la curva sia sempre caldissima.

E mmò come si fa?

Il Napoli ha una doppia missione: vincere per cercare di avvicinarsi alla vetta e per “vendicare” sportivamente lo scudetto rimandato di qualche giorno nello scorso campionato proprio per mano della Salernitana e del gol di Dia. Gli azzurri partono fortissimi e una lacrima scende nell’ammirare triangolazioni, passaggi di prima, velocità, qualità, azioni da gol e tanta convinzione. La commozione si trasforma persino in pianto quando si passa in vantaggio già al 13′ cosa mai successa in questo campionato. Bene, benissimo, ancor meglio perchè sul tabellino dei marcatori ci va ancora Raspadori con un eurogol. E ora che torna Osimhen come si fa? Vabbè, poi ci pensiamo. RaspaDORO (LE PAGELLE).

Minuto 69”

Come spesso accade il Napoli avrebbe potuto raddoppiare, triplicare il vantaggio nel primo tempo ma nulla, è poco preciso e famelico oltre all’immensa bravura di Ochoa. Al minuto 69′ succede l’incredibile ma aspettato: Garcia richiama in panchina Kvaratskhelia non nella sua miglior partita ma pericoloso come sempre e al suo posto entra Elmas. La mossa della disperazione, pensavamo e invece no. Il macedone prende posto sulla stessa porzione di campo e vola, indisturbato verso il raddoppio all’83’ con un dribbling ubriacante. Bene, di necessità virtù, bravi tutti.

Joker

Tutto bene per il Napoli che si gode i suoi 21 punti rosicchiando qualcosa a Milan, Atalanta e Fiorentina e inizia la sua mini scalata verso le posizioni più calde della classifica. L‘Inter non si smuove dalla vetta così come non si smuove dalla panchina Garcia che nonostante i passi in avanti dei suoi non appare troppo sereno. L’occasione è sempre buona per “battibeccare” in sala stampa, non gradendo il punto di vista critico e ribadendo quanto stia sempre meglio all’ombra del Vesuvio con la squadra, la piazza e la società (LE PAROLE). Eppure fanno il giro del web le sue foto a cena da solo: che sia semplice malinconia? Cercasi gruppo di amici per due chiacchiere in allegria..ma non sul Napoli, eh!

La prova del 9

Torniamo momentaneamente seri ma mai seriosi e archiviamo Salernitana-Napoli che ormai fa parte del passato. Domani è già giornata di vigilia per la Champions: mercoledì arriva al Maradona l’Union Berlino e ci sarà da riscattarsi della gara di andata. Sì, ovviamente lo so che il Napoli l’ha vinta di misura ma non ha assolutamente convinto rischiando fin troppo. Per confermare la sua crescita di gioco, carattere e identità è necessario mostrarlo in un palcoscenico importante e proseguire in questo novembre sicuramente decisivo. Il verdetto come sempre spetterà al campo e intanto alla prossima con le Pillole del Campionato del Napoli!

Alessia Bartiromo
RIPRODUZIONE RISERVATA